stardalogo.png stardalogo.png stardalogo.png

San Martino della Battaglia

Rassegna menu pesce di Lago

Il vino prende il nome dal toponimo San Martino della Battaglia, il luogo in cui il 24 giugno 1859 si combatté la più cruenta e decisiva battaglia del Risorgimento.
La zona di produzione di questo vino coincide parzialmente con quella del Lugana e del Garda Classico, comprendendo in tutto o in parte i comuni di Sirmione, Desenzano, Lonato, Pozzolengo in provincia di Brescia, e Peschiera in quella di Verona, occupando le zone pianeggianti e le cerchie moreniche a sud del Garda, dove il Tocai friulano, che in questo vino deve essere presente almeno all’80 per cento, ha trovato il suo ambiente ideale.
Grazie alle basse produzioni e alle raffinate tecniche di vinificazione si ottengono vini dalle piacevolissime caratteristiche aromatiche.

 

 

 


Le nostre cantine sulla mappa >>

 

È un vino bianco secco, prodotto con uve di Tocai friulano, ha un colore giallo citrino con sfumature calde, dorate e tenui riflessi verde pallido; il profumo è invitante, intenso e tipico e dall’inconfondibile gusto fresco con fondo gradevolmente amarognolo.

La gradazione alcolica complessiva minima è di 11,5° vol.
La modesta acidità rende questo vino adatto ad aperitivi, antipasti, al prosciutto crudo, ai risotti non piccanti, alle uova con gli asparagi, a una cucina leggera e dal gusto delicato con la quale si esalta la finissima e armoniosa aromaticità del Tocai.

Anche questo vino è prodotto con uve di Tocai friulano; si ottiene aggiungendo alcol al vino mosto naturale proveniente da uve con una gradazione minima di 12°, ed affinandolo per almeno sei mesi.

Il risultato è un vino liquoroso di eccezionale pregio, dal colore caldo e dorato, il cui profumo è ampio, morbido, pieno e corposo; in esso sono enfatizzati i toni floreali insieme a note del miele, della frutta secca, dei canditi.
Presenta equilibri e contrasti inaspettati tra gusti che si esaltano a vicenda.
Il grado alcolico complessivo minimo è di 15° vol.
È perfetto l’abbinamento con dolci secchi e formaggi piccanti, come gli erborinati o il gorgonzola.
Splendido da solo come vino da conversazione.